ita I eng
   
 
Tesori di Calabria I Poesie
Giovanni Favasuli
Pojisia (poesia)
Pojisia

Ventu chi, zzirrýjandu, spinna hjiuri,
e sfrunda rrami, cimi di livÓri;
nivi chi scindi e non faci rrumuri,
vecchj amici 'ntorn' o foculÓri;
celu chjinu di nivulÓti e stiddi,
spiaggia sulÓgna, pigulýu d'arcÚddhi;
'na mamma, 'na carýzza 'nde capýddhi,
rrisÓta chi rrimb¨mba 'nde vinÚddhi.
Di 'stu silÚnziu esti rregýna,
d'u cori d'i poeti, 'a patr¨na.
J Janca pal¨mba, armunýa divina,
'na frevi chi tti pýgghja...'na canz¨na.
Sulu 'nu surdu, 'n'animu mischýnu,
d'iddha non senti 'a vuci, 'u richiÓmu.
E comu l'aria d'i primu matýnu:
leggÚra, frýsca...Com'a ttia, chi bbramu,
amuri meu sfruntÓta e virgogn¨sa,
cu ll'occhj grandi d'i magÓra e fata;
'na manu aperta, l'attra sempri chj¨sa.
N˛bili donna, fýmmina d'i strata!
E com'a ttia: teni 'stu cori 'mpýsu,
e 'u ss¨ndi, comu lana 'nta 'nu fusu!
AmÓru 'mpernu, duci paradisu,
hj¨ri d'i gersumýnu 'ndo...manc¨su.
Poesia

Vento che, volteggiando sfoglia fiori,
e sfronda rami, cime di olivi;
neve che scende e non fa rumore,
vecchi amici intorno al focolare;
cielo pieno di nuvolate e stelle,
spiaggia assolata, pigolio di uccelli;
una mamma, una carezza nei capelli,
risata che rimbomba nei vicoli.
Di questo silenzio Ŕ regina,
del cuore dei poeti la padrona.
Bianca colomba, armonia divina,
una febbre che ti piglia, una canzone.
Solo un sordo, un animo meschino,
di lei non sente la voce, il richiamo.
E come l'aria di primo mattino:
leggera, fresca...Come te, che bramo,
amore mio sfrontata e vergognosa,
con gli occhi grandi di strega e fata;
una mano aperta, l'altra sempre chiusa.
Nobile donna, femmina di strada!
E come te: tiene questo cuore appeso,
e lo sfila come lana in un fuso!
Amaro inferno, dolce paradiso,
fiore di gelsomino in un anfratto.
 
Primo Indietro Avanti Ultimo
 
   
credit admin © copyright
 
Sponsor
Gruppo Palazzo Spinelli Flores, UniversitÓ del Restauro Istituti Cavour Pacinotti Istituti Paritari Cavour Pacinotti, Firenze