ita I eng
   
 
Tesori di Calabria I Poesie
Vitale Napoleone
Asprumunti (Aspromonte)
La poesia "Asprumunti" di Napoleone Vitale, è dedicata appunto all'Aspromonte, "a Muntagna", come popolarmente la gente chiama l'Aspromonte esprimendo con questo termine, apparentemente generico, tutta la familiarità e la "devozione" con la quale la gente del territorio grecanico si rivolge all'Aspromonte; quasi come il pensiero che si riferisce ad una madre! e che Vitale ha saputo esprimere in modo veramente supremo nel verso "... e dormi, dormi ca lu sonnu veni.." una formula compositiva presente in tutte le ninne nanne che le madri calabresi usavano cantare ai propri figli.
Napoleone Vitale, poeta e scrittore di Bova, punto geografico e culturale d'eccellenza della Calabria grecanica, ha saputo rendere attraverso le sue opere la sua aderenza al senso culturale e storico della calabresità.
La sua poesia ovviamente è scritta in dialetto bovese.
Asprumunti

Non 'ndavi cchiù restuccia a la campagna
ora chi agustu bampa la marina;
o pecuraru, re di la muntagna,
dassa lu chianu e pigghia la pendina

'Nta na bertula menti pochi pani,
cunta e ricunta pecuri e muntuni,
'rringa la mandria avanti cu li cani,
arretu vanci tu cu lu bastuni.

E camina, camina, pecuraru.....
sarta li timpi e passa li ghiumari:
cu sapi quantu tempu t'aspettaru
li cosi chi dassasti a li pagghiari!

Non ti fermari, sèguita la strata,
fina ca non arrivi a 'nu strapunti,
d'undi 'nu munti, arretu 'na votata,
jisa la testa e scombogghia la frunti.

Vicinu a tia 'na stroffa di zappini
a lu surinu li capiddhi sprundi;
e poi luntanu chi non pari fini
lu celu cu lu mari si cunfundi.

Persu 'ntra l'aria, all'occhi toi davanti,
Asprumunti ti guarda e resta mutu:
pari 'nu vecchiu, pari 'nu giganti,
pari 'nu santu. Fanci lu salutu!

Dinci: ora e sempri beniditta sia
l'ura chi mi cunsula e m'accumpagna,
santu Asprumunti: si luntanu jia,
surda era l'aria e la terra sulagna.

Ma ora chi ti viju, e la to' buci
mi porta li carizzi di lu ventu,
fazzu lu signu di la santa cruci,
e a l' umbra tua
mi curcu e mi ddormentu

E dormi, dormi, ca lu sonnu veni
dopo vintiquattr'uri di caminu.
E non nci faci nenti si non teni
'nu matarazzu musciu e 'nu coscinu.

Quandu nci su li fogghi di la serra,
e 'nta li fossi non luci lu jelu,
non ndavi lettu megghiu di la terra,
non c'è suffittu megghiu di lu celu!

Aspromonte

Non c’è più restuccia nella campagna
Ora che agosto infiamma la marina;
O pastore, re della montagna,
Lascia il piano e prendi la salita.

In una bisaccia metti pochi pani,
conta e riconta pecore e montoni,
manda avanti la mandria con i cani,
e dietro vacci tu con il bastone.

E cammina, cammina, pastore…
Salta le timpe e passa le fiumare;
chi lo sa quanto tempo ti hanno aspettato
le cose che hai lasciato nei fienili!

Non ti fermare, continua la strada,
fino a quando non arrivi a uno strapiombo
dove un monte dietro una curva
alza la testa e scopre la fronte.

Vicino a te una stroffa di zappini
Alla brezza scompiglia i capelli;
e poi lontano che non sembra finire
il cielo con il mare si confonde.

Perso nell’aria, agli occhi tuoi davanti,
Aspromonte ti guarda e resta muto:
pare un vecchio, pare un gigante,
pare un santo: Fagli il saluto!

Digli:< L’ora che mi consola e mi accompagna,
sant’Aspromonte; se lontano andai,
sorda era l’aria e la terra assolata.

Ma ora che ti vedo, e la tua voce
mi porta le carezze del vento,
faccio il segno della santa croce,
e all’ombra tua mi corico e mi addormento>>

E dormi, dormi, che il sonno viene,
dopo ventiquattr’ore di cammino.
E non importa se non haii
un materasso morbido e un cuscino.

Quando ci sono le foglie della serra,
e nei fossi non brilla il gelo,
non c’è letto meglio della terra,
non c’è soffitto meglio del cielo.
 
Primo Indietro
 
   
credit admin © copyright
 
Sponsor
Gruppo Palazzo Spinelli Flores, Università del Restauro Istituti Cavour Pacinotti Istituti Paritari Cavour Pacinotti, Firenze