FRITTOLE  E CURCUCI DI MAIALE
ingredienti
Parti del maiale:
lardo, cotenne, costate, stinchi, parte del collo, della guancia, lingua, muso, orecchie, rognoni, trippa, rigatino ossa ed altre parti meno nobili del maiale.
sale e pepe q.b.

preparazione
Pulite e raschiate la cotenne.
Con un coltello affilato, levate tutto il grasso delle cotenne e mettetelo in una bacinella con acqua fresca.
Tagliate a strisce sottili il lardo e mettetelo nella bacinella con l'acqua.
Pulite le altre parti accuratamente.
In una pentola capiente mettete sul fondo il lardo, le cotenne e le altre parti grasse di carne.
Continuate con il resto dei pezzi di maiale.
Aggiungete un bicchiere di acqua salata con un cucchiaio di sale.
Mettete la pentola su un fuoco a temperatura bassa e costante in modo che il grasso si sciolga ma non frigga.
 Il grasso dovrà sciogliersi completamente e ricoprire tutta la carne.
Aggiungete se è necessario ( nel caso bollisse troppo) dell'altro poco di acqua. 
Via, via che la carne cuoce aggiustatela di sale sciogliendo sempre non più di un cucchiaio  di sale in un bicchiere di acqua calda.
Quando toccandoli con una forchetta sentirete che le frittole sono cotte, levate la pentola dal fuoco ed estraete la carne.
Mettetela su un vassoio e spolverizzatela con abbondante pepe nero e noce moscata.
Affettate delle belle arance con la buccia e sistematele sopra la carne.
Servite le frittole calde.
Quelle che rimangono potete conservarle in un vasetto di terracotta o un vaso di vetro in questo modo:
Mettete le frittole dentro il vaso poi versate dentro il grasso sciolto filtrandolo con un colino fino a riempirlo.
Quando lo strutto si sarà solidificato versateci sopra un pugno di sale fino.
Chiudete il barattolo o il vasetto e conservatelo in luogo fresco.

I curcuci 
Levate lo strutto rimasto nella pentola dopo aver levato le frittole,  filtratelo e mettetelo da parte.
Raccogliete i pezzettini di frittole, chiamati curcuci, rimasti in fondo alla pentola e metteteli dentro un vasetto o un barattolo.
Ricopriteli con lo strutto e quando questo si solidifica metteteci sopra un pugno di sale fino.
Coprite il contenitore e conservate al fresco.



© 1999-2003 www.cucinacalabrese.org